TBT: A New Year’s Eve in Dubai

Non so voi, ma io a capodanno non so mai cosa fare. Le solite feste mi rompono da morire e le alternative anche peggio. Per questo, da qualche anno a questa parte ho imparato a sparecchiare qualcosa in valigia e partire per mini fughe di massimo 5 o 6 giorni, giusto per brindare in compagnia e trascorrere qualche giorno fuori comfort zone. In genere scelgo destinazioni poco impegnative (o almeno in teoria dovrebbero esserlo).

Dubai è una di queste mete. Facile da girare, meta ideale per shopping addicted e per ammirare architetture mirabolanti, con voli diretti a prezzi decisamente ragionevoli.

Sono sincera: per certi versi Dubai mi ha deluso. Innanzitutto è un grandissimo, enorme cantiere a vista. Ovunque si trovano gru e mezzi che lavorano incessantemente, e questo purtroppo (o almeno per quello che ho visto allora) non contribuisce ad un panorama armonioso. La seconda cosa che mi ha deluso di Dubai è la periferia. Di Dubai ho sempre sentito parlare come una città ricca, futuristica, strabiliante, ma la verità è questa: dove c’è molta ricchezza, c’è anche molta povertà. Le periferie sono degradate e la metropolitana in certi orari è strapiena. Non vengono rispettate le carrozze riservate a donne e bambini, ed in certe situazioni la fauna è abbastanza inquietante.

Un’altra cosa che mi ha deluso di Dubai è stato il suq. Io ho visitato quello storico dove c’è anche il mercato dell’oro. Nel mio immaginario doveva essere uno di quei bellissimi ed affascinanti suq in stile marocchino, storici, magici, pieni di spezie; invece è semplicemente una serie di tristissimi e brutti negozi mal tenuti.

Vale la pena andarci? Certo, vale sempre la pena andarci e vedere con i propri occhi. Dubai ha anche tanti paesaggi e tanta architettura che merita almeno una visita… Ecco alcune foto…

4 thoughts on “TBT: A New Year’s Eve in Dubai

Rispondi